• Come coltivare le FAVE: tutte le informazioni - *dettoChiaramente.it*

Come coltivare le FAVE:
tutte le informazioni

come fare la coltivazione delle fave

 

 

Viene sempre da pensare che, nei mesi freddi... non ci sia nessun ortaggio da piantare nell'orto.

Invece in tutti i mesi la Natura ci dà occasione di seminare qualche verdura. Le Fave, sono proprio una delle semine possibili nei mesi freddi, grazie alla loro resistenza.

E, una volta piantate, non hanno praticamente bisogno di nulla..! :-)

 

In questo articolo vi spiego:

SEMINA
COLTIVAZIONE
CURIOSITA', CUCINA E SALUTE
PER APPROFONDIRE

(nb: la pubblicazione delle sezioni grigie proseguirà nel corso dei mesi...)

.SEMINA:
come si piantano le fave?

pallino verde articoliIn quale MESE si seminano?.

Se vivete al SUD o al CENTRO

e quindi non avete un inverno con picchi molto bassi e gelate, potete seminare le fave in ottobre - novembre, così che riescano a mettere le prime 3-5 foglie prima che inizi il freddo (le si potrà poi raccogliere già in marzo e aprile).

Se vivete al NORD invece,
è meglio che lasciate passare il picco dell'inverno e seminate dopo, verso febbraio - marzo, perchè bisogna evitare le gelate (soprattutto in fase di fioritura!).
Finite le gelate, piantatele appena possibile, perchè la fava è una pianta che teme la siccità e ha bisogno di molta umidità, quindi prima la mettete e meglio riuscite a sfruttate la stagione in cui c'è ancora umido e pioggia, e inoltre gli evitate di arrivare a fiorire o a formare il frutto quando c'è la calura estiva.
In alternativa, potete seminare a settembre, finito il caldo dell'estate, per raccogliere le fave in autunno, prima dei freddi.

 

Riassumendo:

 GENNAIO
(in serra/tunnel,
al nord)

 FEBBRAIO
(all'aperto, a fine gelate,
al nord)

MARZO
(all'aperto,
al nord)

 APRILE

 MAGGIO
-

 GIUGNO
-

 LUGLIO
-

 AGOSTO
-

SETTEMBRE
   (all'aperto,
al nord)

OTTOBRE
(all'aperto,
al sud e centro)

 NOVEMBRE
(all'aperto,
al sud e centro)

        DICEMBRE         
(solo in zone calde,
serra/tunnel)

 

icona Pallino verde sfumatoIn quale LUNA piantare: crescente o calante?.

Le fave sono un ortaggio di cui utilizziamo il frutto, perciò, come tutti gli ortaggi da frutto (anzichè da foglia, o da radice), viene seminato in: 

luna crescente

icona Pallino verde sfumatoQual è il TERRENO, il PH e la posizione adatta?.

Partiamo dal presupposto che la fava è una pianta che vuole un sacco di acqua (è composta da acqua all'80%! pensate voi..), per cui dobbiamo metterla in terreni che l'umidità la tengono bene. E' quindi adatta ai

terreni argillosi, o più precisamente "argilloso-calcarei"

(quelli dove non sappiamo mai cosa metterci, per dire..),
se invece abitate vicino al mare o ai fiumi e avete un terreno sabbioso, l'acqua va subito giù senza fermarsi, quindi non va bene.

E' ottimo mischiarci dentro del compost, non solo perchè lo fertilizza, come tutti i terreni, ma in particolare quelli argillosi sono resi dal compost più porosi e ossigenati (il problema dei suoli argillosi è che sono molto "chiusi" e compatti, quindi le radici non respirano", e anche l'acqua non scorre ma ci ristagna dentro intrappolata). In più il compost aiuta ad assorbire l'acqua quando piove o innaffiate. In genere però non c'è da innaffiare, proprio perchè si coltiva durante una stagione che è già umida di suo.

Se pensate che avrà poca umidità o che non potrete innaffiare (es. orto lontano da casa), allora in quel punto lavorate il terreno un pò in profondità, così lei va giù con la radice e va a cercarsi l'acqua se ne ha bisogno.

Il PH giusto per le fave è il:

PH alcalino*

(*alcalino è quello che va più su di 7, per intenderci.. non quello acido ma quello basico.)

Nello scegliere il terreno, se ne avete possibilità, piantate le fave in un posto riparato. (ti spiego il perchè sotto, alla voce "lavori e trattamenti")

icona Pallino verde sfumatoA quale PROFONDITA' mettere il seme?.

Come regola generale, calcolate sempre di interrare i semi a seconda della loro grandezza, cioè: 

il terreno che li ricopre deve essere circa il doppio della misura del seme.

Nel caso della fava, il seme (che è proprio quello verde dentro il baccello, che ci mangiamo noi) è molto grande, quindi possiamo andare in prodondità:

circa 3-5 cm*

*(c'è anche chi dice anche fino a 10, ma non sono d'accordo, è troppo...(a meno che non si intenda il terreno come protezione dal freddo, ma è per quelli che son rimasti indietro e non usano ancora la pacciamatura). Se volete guardate i video a fondo pagina con i semi che spuntano, provate anche voi a fare germogliare una fava, e fatevi una vostra opinione).

Ho anche letto (ma mi sembra stupido) di mettere: 

3-4 semi ogni buchetta*.

*Sinceramente mi chiedo se era magari una questione di ottimizzare lo spazio utilizzata nelle coltivazioni industriali... A me non sembra affatto una bella idea, e inoltre è uno spreco, perchè la fava è una leguminosa che fertilizza il terreno in cui cresce, per cui mi verrebbe da pensare che la vorrei in più punti dell'orto possibili, anzichè concentrarla o addirittura far crescere 3 piante in un punto solo, e poi mi chiedo se le radici tutte vicine e di uno stesso tipo di pianta non si danno fastidio a vicenda cercando le stesse sostanze. E, ultima cosa, se ne pianti 3 in uno stesso punto è chiaro che poi vengono su tutte 3 storte verso l'esterno e fan più fatica a stare dritte, e forse il problema del vento nasce anche da quello... Comunque proverò a piantarle sia singole che insieme appassionatamente, per vedere se c'è differenza. Vi saprò dire...) ;-)

In più, dovete sapere anche questa cosa: 

c'è un verso!

Ho visto dei video di gente che le sbatte in terra così alla cavolo...invece vanno girate nel verso giusto,
(e per fortuna è più facile da capire che nelle patate, dove quasi nessuno l'ha mai capito :-D ).

Vi spiego:

allora.. c'è il punto in cui erano attaccate al baccello, dove rimane la tacchetta, no? Ecco, dovreste girarlo verso il basso, perchè (è fatto un pò a C) dal lato interno della C prima sbuca la radice e va verso il basso, poi esce anche il germoglio, e va verso l'altro, quindi deve poter andare nelle due direzioni. (vedi video a fondo pagina). Avete mai visto come esce una quercia dalla ghianda? Va in su e in giù, ecco, la fava fa uguale.

Ultimo consiglio: controllate bene che i semi non abbiano buchetti circolari, potrebbe averli fatti il Tonchio (v. sotto: parassiti).

icona Pallino verde sfumatoA quale DISTANZA mettere le fave e le file?.

Potete fare delle file, spaziando le file di circa 40-60 cm, e nella fila mettere le fave ad una distanza di circa:

20 cm tra pianta e pianta

Nota: più fate le file strette, più dovete, in proporzione, allargate la distanza tra le fave. Se riuscite, orientate le file (ma tutto l'orto in generale) in modo che il sole batta bene sulle piante. 

Per prenderci un pò la misura, dovete calcolare che le fave diventano alte minimo 50 cm (in un campo ben aperto e illuminato),
ma vanno anche fino a 1m e mezzo di altezza in alcune specie, oppure se c'è qualcosa intorno (siepi, piante e ortaggi) o se vengono piantate molto fitte, perchè in tal caso si allungano per cercare di essere colpite di più dai raggi del sole.

icona Pallino verde sfumatoA quale TEMPERATURA germinano?.

La fava è molto coraggiosa come germinazione, riesce a uscire dal letto e spuntare fuori se (nel terreno) ci sono appena: 

5 - 6 °C

Tanta stima...

Però possiamo facilitargli le cose se la mettiamo a bagno alcune ore prima di piantarla,
così il guscio che deve rompere sarà più morbido. Poi però non tenetele troppo bagnate o umide
se no rischiate che il guscio (che è solo una buccia morta, la parte viva è dentro) possa fare la muffa.

icona Pallino verde sfumatoDopo quanto SPUNTANO?.

Una volta che la fava si è svegliata, per vederla sbucare fuori dal terreno, il tempo di emergenza da attendere è di:

1-2 settimane circa (massimo 20 gg)

che è il tempo che ci mette per fare crescere prima la radice verso il basso e poi il germoglio verso l'alto.

icona Pallino verde sfumatoQuali sono le CONSOCIAZIONI della fava?.

La fava si consocia bene (la sapevi questa?) con:

piante da frutto e filari delle viti,

perchè le sue radici arricchiscono il terreno di azoto e fanno bene alle altre piante.

Nell'orto invece, le potete abbinare a:

lattuga o patate*, oppure aglio, cipolla, scalogno e porri,

(*però calcolate che le patate si tirano fuori aprendo il terreno.. quindi non deve coincidere con un momento in cui la fava invece deve stare tranquilla con le sue radici lì dove sono).

Comunque, in linea generale, si consocia con tutti, perchè è una pianta che fa del bene alle radici delle altre piante. 

icona Pallino verde sfumatoSi usa il TRAPIANTO?.

In genere no.

Le fave normalmente non si fanno nascere in semenzaio per poi trapiantarle in campo (ma se ne avete esigenza si può cmq fare) perchè quella è una pratica che si usa con le piantine che vanno protette dal freddo, ma visto che la fava ha una buona resistenza (v. temperatura di germinazione), vale la pena che le mettete direttamente in terra quando è ora, perchè così evitate la fatica di lavorare 2 volte, prima per gestire il semenzaio, poi per trapiantare una ad una le piantine nate.

Meglio sfruttare bene la stagione e seminarle all'aperto nel tempo giusto (v. mesi di semina).

icona Pallino verde sfumatoL'AVVICENDAMENTO: quali ortaggi prima e dopo?.

La fava è una coltura da rinnovo. Cosa vuol dire?

Vuol dire che, a differenza delle altre piante, che "succhiano via" le sostanze dal terreno per nutrirsi e crescere, lei fa il contrario, "aggiunge":

la fava fertilizza il terreno

quindi quando la tiriamo via (mi raccomando lasciate le radici dentro!!!) la terra conterrà azoto, che è una delle sostanze di cui più hanno bisogno le altre piante per svilupparsi.

In agricoltura si fa anche questa cosa:
tolti i baccelli, i resti della pianta vengono interrati nel suolo, così che si decomponga e rilasci fertilità.

Per questa sua caratteristica,

dopo le fave va bene piantare qualsiasi cosa,

ovviamente non delle leguminose (piselli, fagioli, ecc..) perchè sarebbe uno spreco, visto che farebbero la stessa cosa.
Quindi, già che le fave hanno regalato fertilità, metteteci degli ortaggi che possono sfruttare questo regalo.

.COLTIVAZIONE delle fave:
ESIGENZE E LAVORI

icona Pallino verde sfumatoCLIMA: qual è la temperatura di crescita ideale?.

(Nb: la temperatura che abbiamo visto sopra è quella per germogliare. Qui vediamo invece quella per crescere).

La fava, come anticipato, ha una buona resistenza al freddo. In ogni caso però, c'è pur sempre un limite. Considerate che la fava è composta da una grandissima percentuale di acqua, quindi se di notte la temperatura scende e ghiaccia... hmm... non se la vede tanto bene poverina.

La temperatura fatale dipende anche dallo stadio di sviluppo in cui è:
quando è piccolina, con 4-5 foglie, è il momento in cui è più resistente, ma se di notte si scende a -5 °C ci resta secca,
mentre se è in fase di fioritura, cioè quando è più delicata, anche a temperature meno fredde il danno è grave, o magari non muore ma.. avete perso tutto il raccolto. 

Per questo, se abitate al nord o in posizione elevata, non fatevi tentare e aspettate la stagione giusta, se no potete perdere tutto il lavoro.

Se si vuole avere il clima ideale, a seconda delle temperature della vostra zona dovreste calcolare che possa avere:

almeno 8-10 °C quando è in fase di fioritura
e almeno 15-20 °C quando sarà a maturazione.

Parlando invece di temperature troppo calde,
se ci sono più di 25°C quando è in fioritura, si rovinano i fiori (che sono quelli che poi vi dovevano fare il frutto), da qui il motivo di seminarle a inizio anno, per sfruttare i mesi primaverili senza incorrere nel caldo dell'estate.

icona Pallino verde sfumatoIl CICLO di VITA: quanto dura?.

La fava è una pianta annuale*, cioè che in un anno nasce, si sviluppa, fiorisce, fa il frutto e muore. E lì è finito il giro, non ricresce più.

*(Mentre le piante biennali possono fare un secondo giro l'anno dopo, mentre quelle perenni rifanno il loro ciclo tutti gli anni, senza doverle mai togliere, tipo il rosmarino, ma anche i carciofi o gli asparagi che durano tanti anni). 

Come pianta, fa uno stelo dritto, centrale, con sezione quadrangolare.
Non fa rami, però dalla base a volte può fare qualche getto secondario, soprattutto con la rincalzatura (v. sopra).

Verso marzo, quando inizia la primavera, la fava comincia a fiorire.

fiori della fava si mettono tutti a gruppetti, sono profumati e vistosi (sono grandi circa 2,5 cm ciascuno), i petali sono bianchi e possono avere venature nere (v.foto) oppure sfumature violacee (v.foto), e hanno sempre una macchia scura molto caratteristica sulle ali. 
Si formano nell’ascella delle foglie, su un ramettino che può avere da 1 a 6 fiori circa.

Dal fiore, si sviluppa poi (come nei fagioli e piselli) il baccello: 
prima è verde (e possiamo raccoglierlo se vogliamo mangiarle fresche), 
poi quando è maturo si secca e diventa marrone (e va bene se vogliamo conservarle secche).

Il ciclo intero della sua vita è lungo:

11 settimane - se la seminate nei primi mesi dell'anno,
26 settimane - se la seminate in autunno*, 
(tanto aspetta comunque il bel tempo per fiorire)

*Questo dovrebbe far riflettere... voglio dire (se abitate al nord): 
che senso ha che corriamo a seminarle negli ultimi mesi dell'anno, con il rischio che geli la pianta o fiorisca quando il gelo potrebbe danneggiarne i fiori, e lavoriamo varie settimane in più, quando possiamo ottenere lo stesso risultato semplicemente piantandola nei mesi dopo, quando è il momento giusto? Tanto vale aspettare, risparmiando la fatica a noi e i rischi a lei, no?
A meno che, ovviamente, non abbiate una serra che ripara l'orto, che ha già più senso sfruttare lo spazio in un periodo dove è più libero dagli altri ortaggi, e intanto fertilizzarlo).

icona Pallino verde sfumatoCULTIVAR: quali tipi di fave esistono?.

Vediamole, divise per epoca di semina:

Fave Precoci
  • Express
  • Red epicure
  • Reina bianca
  • Reina mora
Semi-precoci
  • Histal
  • Sciabola verse
Fave medio-tardive
  • Aguadulce Claudia
  • Aguadulce migliorata
  • Relon

icona Pallino verde sfumatoIRRIGAZIONE: quanto vanno innaffiate?.

Poco. Nel senso: la pianta ha bisogno di tanta acqua e umidità, ma proprio per questo la mettiamo in inverno, così

ci pensa la natura ad innaffiare, anzichè noi.

Sarà sufficiente innaffiare solo se capita un periodo particolarmente senza piogge. In ogni caso poi 

non bisogna innaffiare nei periodi delle gelate,

perchè potrebbe arrivare a ghiacciare magari anche sotto terra dove ci sono le radici.

Se invece avete piantato a settembre, o in zone con un clima più mite, allora regolatevi normalmente, secondo la capacità di assorbimento (o ristagno!) del vostro terreno e a seconda di come lo vedete.

(Se non siete sicuri perchè siete all'inizio, provate a scavare in un piccolo punto con una palettina o un bastone, per vedere se sotto i primi 4-5 cm c'è bagnato o asciutto. Non guardate la superficie perchè i primi mm asciugano rapidamente se non tenete ben pacciamato).

Il momento più importante è quando fa i fiori e inizia a formare i frutti.

Lì l'acqua non gli deve mancare, se no si rovinano i fiori o vi fa i baccelli con meno fave dentro.

icona Pallino verde sfumatoCONCIMAZIONE: di quali sostanze hanno bisogno?.

Come spiegato più sopra, le fave

non hanno bisogno di fertilizzanti

perchè sono loro stesse a fertilizzare il suolo dove crescono, rilasciando azoto.
Riescono a fare questo grazie alla simbiosi con un batterio che sta nelle sue radici, il Bacillus Radicicola

Possiamo però aggiungere del compost, che migliora la vita e la struttura del terreno argilloso dove la stiamo piantando,

oppure letame ben maturo e decomposto se riusciamo a trovarlo,

oppure forforo (ma non so consigliarvi da quale fonte naturale), quindi se lo trovate solo in forma chimica lasciate stare che è meglio...

Mentre il potassio di solito c'è già, perchè i suoli argillosi di solito lo contengono.

icona Pallino verde sfumatoLAVORI di coltivazione: cosa c'è da fare?.

Per coltivare le fave si fanno 4 cose:

Proteggerle dal vento:

Le fave crescono in altezza, minimo 50-70 cm, ma alcuni tipi di fave vanno anche fino a 1 metro e mezzo.
Stanno in piedi da sole ma, essendo piante a crescita rapida e avendo un fusto esile, se non sono in un posto riparato il vento le sbatte giù, perchè hanno molte foglie (e sono pure grandi), quindi fanno molta presa quando soffia.

Per questo, se potete, piantatele in un luogo riparato. Ma ovviamente, non sempre è possibile, per cui, ecco cosa potete fare:

dovete fargli un piccolo "recinto* (vedi video sotto),cioè piantare dei bastoni in terra e collegarli con dei fili, (fate 2 giri, uno più basso e uno più alto), così se c'è vento le fave si appoggiano ai fili e non vanno giù. Dico recinto perchè spesso c'è chi le pianta facendo un rettangolo con dentro 2 o 3 file, per cui poi recinta il rettangolo.
(Se invece li mettete in una fila sola, come pomodori, allora questo metodo va un pò riadattato..)

Calcolate poi che l'azione del vento dipenderà da quanto le fave diventano alte. E sapete da cosa dipende l'altezza delle piante? 
Molto spesso dipende dall'esposizione al sole: se sono ben esposte, crescono normali e tranquille, se invece sentono che gli manca il sole, perchè magari c'è qualcosa che gli fa ombra (es. una siepe o una pianta, una casa, o sono molto fitte e si fanno ombra a vicenda) allora si allungano per essere più alte e ricevere più raggi di sole. E così quando tira il vento, se si sono allungate, c'è più possibilità che ve le butta per terra. Per cui piantatele in un pezzo di orto che non abbiano ombra da altre cose, o girate in modo che non si facciano ombra a vicenda.

*nei video (v. sotto, video n°1), potete vedere un esperimento in campo aperto, molto interessante, che ha fatto un ragazzo, in cui le sue fave stanno in piedi da sole,
perchè le ha lasciate crescere in mezzo ad altre erbe, mentre quelle del vicino (zona uguale, vento uguale) sono finite per terra. 

La rincalzatura:.

avete presente i finocchi? Ecco, una roba così. Cioè dopo che sono un pò cresciute (almeno 4 foglie) si accumula un altro pò di terra dove hanno la base.
Questo per 3 motivi: le proteggete di più dal freddo, le stimolate a buttare nuovi germogli, e le aiutate un altro po' per il vento, perchè una base più solida le tiene un pò più dritte.

La cimatura:

quando arrivano alla fioritura, dopo aver lasciato alcuni gruppetti di fiori, gli si toglie la punta.
Perchè questo?

Primo perchè, come in tutte le piante, quando togli la punta, lavorano di più sotto, quindi si dà più energia (linfa) alla formazione dei frutti, rispetto alla crescita verso l'alto.
Secondo perchè è proprio sulla punta che si va a mettere l'afide nero (v. sotto), Quindi togliendo la punta gli togliamo il suo posto preferito, e proviamo a fregarlo.

La pacciamatura:

Una gentilezza che gli potete fare, è di mettere sotto alle fave un bello strato protettivo di foglie o erba secca, come se metteste una bella copertina invernale sulle radici.

Per chi non ha dimestichezza col tema, ricordo che la pacciamatura è una delle cose fondamentali da imparare per chi vuole coltivare,
altrimenti buttate via un sacco di acqua per niente, avete il suolo che si rovina e sterilizza sotto i raggi UV del sole anzichè riempirsi di vita e nutrirsi da solo, e tanti altri aspetti importantissimi.
Per cui prendetevi un attimo per approfondire il tema, e se decidete di provare, fatelo su metà dell'area che coltivate, per vedere con i vostri occhi la differenza tra dove c'è e dove non c'è, così poi non vi dimenticate più e potete raccontare la differenza che fa, perchè l'avete visto, non perchè l'avete solo letto.

icona Pallino verde sfumatoPROBLEMI: quali sono le malattie e i parassiti?.

Vediamo chi può venire a dar fastiidio... 

abbiamo animaletti, funghi, e pure una pianta. Non gli manca nessuno, povera fava.

Ancora prima che diventi pianta, già si fanno trattamenti sul seme
(a volte infatti lo trovate "colorato") per preservarlo dagli attacchi di Rhizoctonia, Pythium e Phytophtora.


ANIMALETTI E PARASSITI:
Afide nero:

è quella bestiolina che ogni tanto infesta la fava (e anche altre piante) formando delle colonie (le formiche direbbero "degli allevamenti"), soprattutto sulla punta.
Questo fa deperire tutta la pianta e può anche trasmettere alcune virosi. (apri le foto) (guardalo sui fiori)

Tonchio (o Brucus rufimanus)

gli adulti depongono le uova sui giovani baccelli; le larve neonate forano i carpelli per raggiungere i semi all’interno dei quali si sviluppano scavandovi gallerie; al termine del ciclo gli adulti sfarfallano dai semi perforando i tegumenti seminali. (apri foto


FUNGHI e MALATTIE:
  • Botrite o marciume molle (Botrytis fabae) • (vedi foto)
  • Occhio di pavone o Cercosporiosi (Cercospora zonata) • (vedi foto)
  • Antracnosi (Colletrotrichum lindemuthianum) : sui baccelli forma tacche necrotiche e depresse, nerastre, che si estendono ai semi in formazione • (vedi foto)
  • Ruggine (Uromyces fabae): si manifesta sulle foglie e sugli steli con la comparsa di pustole rugginose• (vedi foto)

PIANTE:
Orobanche:

io non avevo mai sentito nominare l'Orobanca... (avrei pensato che era un prodotto finanziario, e infatti non è nulla di gentile...).
Ho guardato cos'è e ho scoperto che è una piantina che fiorita è anche molto bella (e si mangia pure in certe zone di Italia), ma è tanto bella quanto maleducata, cioè si va ad appiccicare con le sue radici attorno alle radici delle altre piante (avete presente tipo l'edera che fa i tentacolini per aggrapparsi?) e si ciuccia la linfa degli altri, anzichè prodursela lei. Ma pensa tè!
(E poi fa pure una quantità di semi incredibile!).

icona Pallino verde sfumatoRACCOLTA: come avviene e in che periodo?.

La raccolta della fava cambia a seconda di come volete mangiarla.

I modi sono 3:

baccelli piccoli (come i fagiolini),

cioè... anzichè lasciarli crescere, quando sono di 6-8 cm li togliete, e ve li mangiate cotti come se fossero dei fagiolini.

fave da consumare fresche:

Si raccolgono quando i baccelli sono ancora verdi e soffici (se invece maturano diventano secchi e duri), e le fave dentro sono tenere e dolciastre.

Il limite massimo è quando, aprendo un baccello e togliendo una fava, vedete che la tacchetta dov'era attaccata anzichè rimanere verde diventa bruna o nera. Ecco, andrebbero mangiati prima di questo stadio.

Per raccoglierli dalla pianta, li svitate tirando verso il basso, e iniziate a raccogliere prima quelli più bassi, che sono i primi che maturano, poi man mano li raccogliete sempre più in alto.

fave da conservare secche (cibo o semente)

In questo caso, aspettate che la pianta arrivi a fine vita, cioè che sia quasi completamente secca. Se la togliete appena prima che sia proprio secca secca è meglio, perchè evita di più l'attacco del Tonchio.

Poi usate uno dei due sistemi, che spiego più sotto (v. conservarle secche)

 

Considerando quindi le 3 possibilità di raccolta,
essa avviene generalmente in tarda-primavera/estate:

GENNAIO
-

FEBBRAIO
-

MARZO
-
APRILE
-
MAGGIO
-
GIUGNO
(raccolta, al sud e centro)
LUGLIO
(raccolta, al nord)
AGOSTO
-
.
SETTEMBRE
-
OTTOBRE
-
NOVEMBRE
-

DICEMBRE
-

 

icona Pallino verde sfumatoMOLTIPLICAZIONE: come riprodurre le fave?.

I semi per riprodurre la fava, come per i fagioli, sono quelli dentro al baccello, che ci mangiamo noi.

Dentro un baccello, che può essere lungo da 15 fino a 30 cm

possono esserci da 4 a 12 semi,

dipende sia dalla varietà, perchè può avere delle caratteristiche sue naturali, 
sia se ha avuto il clima giusto o se invece ha sofferto in fase di fioritura e maturazione, che allora ne fa meno.

La fava secca, può avere una

durata germinativa di circa 4-6 anni. 

Dopo i 6 anni, è probabile che non nasce più.

Quindi se tenete i semi (di qualsiasi pianta), dovete sempre scriverci su l'anno, così capite quando diventano troppo vecchi. (Vari ortaggi durano solo 2 anni per esempio..)

Comunque se avete il dubbio, non buttateli... ma al momento giusto per la semina li immergete in acqua un pò di ore per ammorbidili, poi li scolate, li tenete umidi un pò di giorni (va bene anche in una scatolina, un barattolo, qualsiasi cosa basta che ogni tanto ci fate circolare l'aria per evitare la muffa) e in un luogo che non sia freddo, e vedete se nascono o no.
Oppure se non siete nel momento di semina giusto, fate la prova solo con 2 semi e basta, e vedete cosa succede...

CUCINA e SALUTE.

icona Pallino verde sfumatoCUCINA: come conservare le fave?. 

Ci sono 3 modi possibii:

Conservarle FRESCHE:

cioè in frigorifero, a circa 4-6°C (ed è meglio se c'è una buona umidità), lasciate dentro ai baccelli, e vi durano anche fino ad un mesetto.
Ma ovviamente prima le mangiate, più siete sicuri che siano fresche.

(Il "mesetto" ovviamente si riferisce alle vostre fave, perchè quelle dell'ortolano mica sapete da quanti giorni sono state raccolte, se hanno viaggiato in condizioni ottimali o no, o quanto lui le ha conservate prima di esporle, e se sono lì esposte a temperatura ambiente in giornata o dal giorno prima).

Conservarle CONGELATE:

però non mettetele in freezer così come sono, prima dovete sgusciarle, e tuffate i semi in acqua bollente 1-2 minuti, così si sterilizzano dai batteri.

Conservarle SECCHE:.

si può fare in 2 modi:

  1. uno è quello di togliere tutta la pianta*, con i baccelli attaccati, e farla seccare a testa in giù,
  2. l'altro modo è di staccare solo i baccelli e farli seccare, per tenerli poi in una retina o in sacchetto che sia traspirante, così che non vi faccia umidità o condensa all'interno, se no potrebbero farvi la muffa. (Penso che sia proprio per evitarla che c'è chi li fa seccare in forno o dopo averli scottati in acqua bollente).

*Secondo me, è meglio farli seccare con la pianta attaccata, vi spiego perchè:
la pianta capisce che sta morendo, e quando una pianta capisce che sta morendo, tutte le sue ultime energie le utilizza per fare il seme, perchè vuole garantirsi la sua sopravvivenza. Quindi tutto il nutrimento che è nella pianta, va molto probabilmente a concentrarsi dentro il seme.

Ho notato questa cosa d'estate: quando tagliate le "erbacce" (termine assolutamente da far sparire) dopo 2 giorni che le avete tagliate, mentre seccano, loro vanno in semente, così vi fregano e possono rinascere ancora.
Altra cosa: sapete perchè succede l'autunno? Non è che la foglia muore così, perchè è a fine vita, ma succede perchè l'albero si prepara all'inverno, e quindi si riciuccia via dalle foglie tutto il nutrimento, la linfa, per fare provviste dentro di sè. Le svuota, per tenersi tutto concentrato in sè, e poi le lascia cadere ai suoi piedi, così si auto-fertilizza il terreno su cui sta (poi arriviamo noi, con la nostra solita ignoranza, e le andiamo a toglierle per manie di pulizia).
Per cui immagino che avvenga la stessa cosa nel seme, cioè quando la fava è tagliata e non gli serve più la linfa per lei, va a concentrare tutto nel seme.
(Voi che ne pensate? lasciate pure un commento).

Ah, nel conservarle secche, state anche attenti a metterle in un posto che non facciano gola a qualche bestiolina o larvetta, che se no se le mangia lei al vostro posto. 

icona Pallino verde sfumatoSALUTE: effetti collaterali - il FAVISMO.

Non conoscevo questa malattia, che in Italia è diffusa soprattutto al sud e in sardegna, ma c'è da starci attenti perchè è una cosa seria

può dare disturbi gravi o anche mortali.

E' una malattia di origine genetica, e può palesarsi non solo mangiando le fave, ma anche solamente toccandole o respirandone il polline!
Non la tratto qui perchè non ne ho le competenze, però suggerisco questo sito per chi vuole saperne di più:

.Ecco infine una raccolta di
MATERIALE UTILE
(esterno al blog) già selezionato:

 

icona Pallino verde sfumatoARTICOLI sulla coltivazione delle fave:.

agricolturabiologicaonline.eu • Fava: Coltivazione e proprietà

agraria.org • Fava, Favino, Favetta

coltivarelorto.it • La coltivazione della fava

giardinaggio.it • Fava - Vicia faba • Fava

inorto.org • La coltivazione della fava: consociazione, cimatura, pacciamatura e raccolta

ortosemplice.it • Fava

piante.it • www.piante.it/fava

ponzaracconta.it • http://www.ponzaracconta.it/2011/03/25/passioni-botaniche-ponzesi-2-la-stagione-delle-fave

meteoweb.eu • Le fave: legumi risalenti all’Età del bronzo e del ferro molto versatili in cucina e ricche di salutari proprietà

mr-loto.it • http://www.mr-loto.it/fave.html

icona - Pallino verde sfumatoVIDEO interessanti da guardare:.

Guarda sul mio canale You-tube la playlist dedicata alla coltivazione delle fave
con tutti i video che ho raccolto per te!
(ps: iscriviti al mio Canale.. per ricevere i nuovi video!)

 

Video in ITALIANO:.

  1. Esperimento di coltivazione in modo alternativo • ‪Coltivazione delle fave (video1)‬ • (video2) • (video3) • [ by Toni Ferrara]
  2. Carrellata di foto che mostra tutte le fasi di sviluppo • Coltivare le fave • [ by Onofrio Tocco ]
  3. Impianto dei semi • La semina delle fave • [ by Giardinaggio Portale ]
  4. Come raccoglierle • Fave raccolta • [ by Casa ATuttoNet ]
  5. Fave schiacciate dal cavallo • La Festa della Pesatura della Fava • [ by Carpino Folk Festival]
  6. Un pò di folklore • Calabritto - Località Ponte Sele 15 maggio 2012 • [ by toninodimattia1] 


Video in INGLESE:.


Video in SPAGNOLO:

icona Pallino verde sfumatoDISCUSSIONI in rete con esperienze dal vivo:. 

Post su FACEBOOK:

Gruppo: COLTIVARE L'ORTO

 

 

Può interessare
ai tuoi amici?

condividi