• Come coltivare la VALERIANA (valerianella o songino): tutte le informazioni - *dettoChiaramente.it*

Come coltivare la VALERIANA
(valerianella o songino):
tutte le informazioni

Come coltivare la valeriana (valerianella o songino)

 

 

La coltivazione della valerianella potrebbe essere ideale per chi non ha un orto o della terra disponibile. 

E' un ortaggio molto piccolo, e basterà un vaso sulla finestra, oppure una bella cassetta di legno in balcone (se vivi in un posto non inquinato), foderata in modo che la terra non esca, e che l'acqua in eccesso possa uscire da qualche buchetto sul fondo. 

 


In questo articolo vi spiego:

SEMINA
COLTIVAZIONE
CURIOSITA', CUCINA E SALUTE
  • come conservarle
  • proprietà e benefici
  • storia e provenienza

PER APPROFONDIRE
(ps: la pubblicazione delle sezioni grigie proseguirà nel corso dei mesi (guarda QUI un articolo "finito").
(ps2: le parti in corsivo ti saranno utili anche per tutti gli altri ortaggi)

SEMINA:.
come piantare la valeriana?

pallino verde articoliIn quale MESE si semina?.

Se vivete al SUD o al CENTRO
seminatela passato il gran caldo (perchè soffre il secco), cioè quando la temperatura è intorno a 15-20°C.

Se vivete al NORD invece, 
seminatela passato il freddo, quando si intravede la primavera, coprendo con un tessuto non tessuto durante la semina.

Nei mesi più freddi, nelle grandi produzioni coltivano all'interno di una serra riscaldata.
(..Che personalmente mi sembra un inutile dispendio di energie per modificare il clima reale, quando basterebbe coltivare verdure più invernali... La gente potrebbe tranquillamente mangiare altre cose, e imparare a uniformarsi alla stagione, come fa con le fragole o le zucche. Quando siamo al supermercato, ricordiamoci che siamo proprio noi a creare questa "richiesta fuori stagione", quindi cerchiamo di comprare cose di stagione e l'agricoltura avrà meno bisogno di creare climi artificiali, riscaldare, spendere risorse quando non servono o importare da fuori).

GENNAIO
(in ambiente protetto)
FEBBRAIO
(nord in amb. protetto o in zone miti)
MARZO
(nord, in esterno)
APRILE
(nord, in esterno)
MAGGIO
-
GIUGNO
-
LUGLIO
-
AGOSTO
-
SETTEMBRE
(nord-centro)
OTTOBRE
(centro-sud)
NOVEMBRE
(sud, o nord in ambiente protetto)
DICEMBRE
(sud, o nord in ambiente protetto)
       

 

Guardando questa tabella dei mesi, potete usala come "linea guida" il primo anno, 
ma l'Italia ha una tale varietà e diversità di climi che solo chi vive in una zona e sperimenta sul campo può realmente imparare le tempistiche giuste per il suo terreno, clima, esposizione, ecc.
(Se ne avete occasione, sentite anche chi coltiva nella vostra zona da anni).

Per cui vi consiglio di creare, appena partite, un:

diario dell'orto

così negli anni dopo vi fidate soprattutto di quello, ancor prima dei consigli che trovate qui, in altri blog o sui libri.

Niente più della VOSTRA ESPERIENZA potrà insegnarvi come si coltiva la vostra terra nel vostro clima.
L'obiettivo principale del 1° anno di orto dovrebbe essere:

coltivate la vostra esperienza ancor più che coltivare gli ortaggi

Un trucco potrebbe essere quello, dopo aver letto il periodo giusto per seminare, 
di fare comunque una mini-semina un pò prima, e un'altra un pò dopo.

Immaginate una fila di 12 ortaggi:
(i primi 2 li seminate "prima")-(gli 8 in mezzo li seminate "giusti")-(i 2 finali li seminate "dopo")

Se il periodo è giusto, le altre 2 semine ve lo confermeranno,
se il periodo era sbagliato, le altre 2 semine vi diranno se era meglio seminare prima, oppure dopo.

Nel diario, segnatevi anche il clima dell'annata: 

le temperature che ci sono quando seminate, quando fa il fiore, le innaffiature, le pioggie.... tutto ciò che può influire. 
Perchè non tutti gli anni sono uguali, ma sapendo queste informazioni potetre adattarle 
alla diversità degli anni e, in futuro, al cambiamento climatico.

pallino articoli

In quale LUNA piantare: crescente o calante?.

La valeriana o songino è un ortaggio di cui usiamo la foglia, perciò, come tutti gli ortaggi da foglia, 
per evitare che vada in semente presto, è meglio che seminiate quando la luna
non tira la linfa verso l'alto ma verso il basso, cioè in: 

luna calante

pallino articoliQual è il TERRENO, il pH e la posizione adatta?.

Il terreno, rispetto alla pianta, si occupa principalmente di 3 cose, oltre a sostenerla fisicamente:

  1. Gli dà il nutrimento - a seconda delle sostanze che rilascia
  2. Gestisce l'acqua - tenendola trattenuta (es. suoli argillosi) o lasciandola andare (es. suoli sabbiosi)
  3. Ha un pH - che può essere acido, neutro, o alcalino.

Per cui, quando studiate la coltivazione di una pianta, vi diranno che preferisce un certo suolo proprio per questo,
perchè quel suolo ha le sostanze che gli servono, o gestisce meglio l'acqua secondo il suo bisogno di umidità, o ha un pH ottimale.


Guardiamo il caso della valerianella
E' una pianta abbastanza rustica, si adatta a vari terreni, l'importante è che siano

ben drenati, senza ristagni
e contenenti sostanza organica.

E se il tuo terreno non è ben drenato, cosa puoi fare?

In questo caso, (a parte aggiungere un pò di sabbia se ne hai) potresti accumulare la terra, creando una zona rialzata, in questo modo l'acqua tenderà sempre, per capillarità, a scendere giù a livello del terreno, e il bancale ad essere un pò più asciutto.
Chiaramente dipende dal tuo terreno... se tende ad asciugarsi (es. sabbioso) non farlo, se invece è umido (es. argilloso) può essere utile.
In più, pensa in quale periodo dell'anno stai seminando: sarà piovoso o secco?


Il pH del terreno per la valeriana può andare

da pH 5,5 a 7

pallino articoliA quale PROFONDITA' mettere il seme?.

Come regola generale, calcolate sempre di interrare i semi a seconda della loro grandezza, cioè: 
il terreno che li ricopre deve essere circa uguale alla misura del seme.


Nel caso della valeriana, il seme è piccolino, quindi la semina sarà molto superficiale.
Cercate di tenere una prodondità di:

circa 5 mm 

oppure basterà appoggiarlo sul suolo e poi pressare leggermente il terreno, aiutandosi con una piccola asse, dopo avere seminato, o in alternativa spargere un velo di sabbia o terreno finissimo al di sopra dei semini.

pallino articoliA quale DISTANZA mettere le piante e le file?.

Se volete un orto davvero robusto e forte contro i parassiti e le malattie,

cercate di mischiare il più possibile

(cioè mescolate gli ortaggi, senza mettere mai vicino quelli di una stessa famiglia, e calcolando un pò le loro esigenze)

Se però volete fare le file alla vecchia maniera perchè preferite la comodità di raccolta
o dovete soddisfare l'estetica per non aver noie con parenti e vicini, allora potete farle distanti:

10-15 cm tra fila e fila, 

e nella fila metterle a circa:

5 cm tra pianta e pianta

basta poco, perchè tanto le piantine restano piccole.

Oppure potete seminare a spaglio, in una

fascia larga al massimo 80 cm

(Perchè 80? Perchè è una misura che per entrarci col braccio e sbilanciarvi in avanti con la schiena non diventa troppo scomoda..)

pallino articoliA quale TEMPERATURA germinano?.

Dovete sapere che il seme non nasce solamente innaffiandolo e basta, se no quando piove nascerebbe tutto in qualsiasi stagione, e non diremmo che un ortaggio va piantato nel tal mese piuttosto che in altri. Il seme, nasce solo se c'è la temperatura ideale per lui, che si chiama "temperatura di germinazione".


Nel caso della valeriana, la temperatura ottimale che dovrebbe esserci per germinare è di:

15-18°C
(mentre il minimo è 7°C, e oltre i 20°C hanno problemi)

Quindi se il terreno non raggiunge ancora la temperatura minima, aspettate a seminare, 
oppure potete provare a

coprire il suolo, con tessuto non tessuto o creando una serra

in modo che durante il giorno si scaldi un pò, e al contempo aiuti a conservare meglio l'umidità.

pallino articoliDopo quanto SPUNTANO?.

Una volta che il semino si è "svegliato", non lo vediamo subito, perchè inizia per prima cosa a lavorare sotto terra, per fare crescere la radice verso il basso, e poi inizia a costruire il germoglio verso l'alto.

Questo si chiama tempo "di emergenza", cioè quanto ci mette per sbucare fuori dal terreno dopo la semina.
(Chiaro che va anche in base allo stratino di terra che c'è sopra...)


Nel caso della valerianella, il tempo di emergenza è di:

10 giorni circa

che però variano a seconda della temperatura:
se c'è più freddo ci vorranno più giorni, se ci sono 15-20°C germinerà anche in 1 settimana.

Per accorciare un pò i tempi, potete facilitargli le cose mettendo il seme a bagno un pò di ore prima di piantarlo (praticamente simulate l'azione della pioggia che fa stare per un pochino il terreno in ammollo, infatti dopo che è piovuto spuntano un sacco di semini, erbette, ecc.. perchè si sono bagnati e ammollati).

Però attenzione che i semi, quando restano fradici, vi fanno la muffa e poi dovete sbattere via tutto. 
Quindi dategli una "svegliatina" però non teneteli mai "bagnati", ma solo in terriccio inumidito.

pallino articoliQuali sono le CONSOCIAZIONI della valeriana?.

Se per caso non hai ancora conosciuto le consociazioni, devi sapere che è una cosa da scoprire il prima possibile,
perchè ti aiuterà molto, e non sapendola perderai tantissimi vantaggi.

Per fare un orto infatti, è essenziale capire che una pianta "non è un'isola", che sta lì e si fa gli affari suoi,
come fosse uno di noi. Le piante non hanno whatzapp e quindi vivono ancora in relazione con il resto del mondo,
cioè con i suoi simili (gli ortaggi e le erbe spontanee) con gli animali (gli insetti, i lombrichi, e microorganismi del suolo),
e con tutti i minerali presenti nel suolo (se nessuno li ha già distrutti con il fertilizzante industriale).

Rapportandosi alle altre piante,
interagiscono con tutte queste cose (e sono solo alcune!):

  • le radici e le sostanze che le radici emettono o assorbono (es. le leguminose emettono azoto e le altre piante lo ricevono e lo usano per crescere)
  • la profondità delle radici (abbina piante a radice superficiale con piante a radice profonda, così non si disturbano e intrecciano una bella rete di connessioni in più livelli)
  • l'ombra (pianta sotto gli ortaggi alti o con grosso fogliame quelli che hanno bisogno di ombra e fresco, o i rampicanti vicino a quelli alti, es. il pisello o fagiolo con il mais)
  • le esigenze idriche (puoi mettere vicine quelle simili e innaffiarle uguali, oppure innaffiare solo quelle con grandi esigente e mettergli ai lati quelle con meno necessità)
  • le esigenze di nutrimento (puoi abbinare piante con grandi necessità con quelle che ne hanno poca o che fertilizzano)
  • le esigenze di umidità (cerca di mettere in una zona fresca o in mezz'ombra quelle che vogliono un clima umido, e in un'altra zona magari vicino ad un muro a sud quelle a clima secco, non è obbligatorio fare 1 solo orto, puoi farne 2 o 3 zone più piccole in diversi punti del giardino). 


La valeriana si consocia bene con:

cavoli, ravanelli e porri

e in più anche con:

 filari di vite e piante da frutto

ma devono essere senza trattamenti chimici, altrimenti rischiate di dare trattamenti sulle piante
e la pioggia ve li fa colare giù sulla valeriana e vi fate una bella insalata di antiparassitario...

.COLTIVAZIONE della valeriana
ESIGENZE E LAVORI

pallino verde a sferaCLIMA: qual è la temperatura di crescita ideale?.

Una volta nata, se la temperatura andasse sotto i 5°C (quindi attenzione se la seminate a fine autunno!), smette di vegetare. Il clima più adatto per lei è:

15°C - 20°C per crescere e svilupparsi

Se scende la temperatura, deve essere protetta dal gelo, 
magari riparata sotto un tessuto non tessuto o in una serretta (perchè? Perchè se no gli si rovinano tutte le foglie).

Ultima cosa, ancor più del freddo

teme il caldo secco

Per questo nei mesi di semina ho messo fino ad aprile, perchè già se la seminate in maggio vi trovate a farla crescere in luglio, che non avrebbe senso... non va bene per lei e in più è un mese da sfruttare per molte altre verdure che potete raccogliere solo in estate, perchè loro al contrario chiedono esclusivamente le alte temperature per crescere. Per cui, ogni ortaggio a suo tempo.

Inoltre, le giornate lunghe (ore di luce) o una temperatura media superiore ai 15 gradi provocano la prefioritura.
(Ho visto alcuni blog che ve la fanno seminare anche in luglio e quindi coltivare durante agosto, sono rotolata sotto la sedia.. :-D

pallino articoliCULTIVAR: quali tipi di valeriana esistono?.

La valeriana appartiene alla

famiglia delle Valerianaceae

Se ne coltivano principalmente 2 qualità:

D'Olanda a seme grosso

più adatta alle colture in serra, con foglie più allungate 

Verde cuore pieno

più adatta all'esterno, perché resiste di più alle temperature fredde, e ha un seme più piccolo

pallino verde a sferaIRRIGAZIONE: quanto vanno innaffiate?.

Dipende ovviamente dal periodo in cui la seminate e, di conseguenza, quando si troverà a crescere.
Avrà necessità se ci saranno

periodi secchi, in cui non piove per vari giorni

e se arriva presto il caldo e l'estate con le ultime semine. In estate non coltivatela e tenerla per le mezze stagioni, in cui c'è più umido nell'aria e fa più fresco. 
Tanto il suo ciclo di coltivazione è breve, quindi si adatta perfettamente ai periodi in cui le altre colture sono terminate o non sono ancora in pieno sviluppo.

Sarà importante soprattutto mantenere l'umidità del suolo (spruzzando poco ma spesso)

nel momento della semina

che è ovviamente molto delicato, come del resto in tutte le colture.

pallino articoliRACCOLTA: come avviene e in che periodo?.

La valerianella, o songino, è molto rapida, ha un ciclo colturale piuttosto breve e

dopo soli 2 mesi iniziate già a mangiarla :-)

e potete continuare fino ad un'altro mesetto in più.

Per dirla proprio tutta, c'è anche chi, dopo avere seminato a spaglio, fa il diradamento... e si mangia il diradamento :-D

Però a me quelli che fanno il diradamento stanno un po' antipatici... è come dire faccio un errore volontariamente e poi ci metto una pezza, e le povere piantine fanno le spese del nostro errore, e in più buttiamo via della semente che in realtà andava benissimo e serviva. Boh, mi sembra scemo da tutti i punti di vista, e non c'è nemmeno un risparmio di tempo nel seminare, perchè alla fine ne perdi di più a diradare che a seminare bene subito e ad aver già finito tutto. Voi che ne dite?


Per raccogliere il più a lungo possibile

seminate a più riprese (nei mesi giusti)

così viene pronta man mano. (Calcolate però di non finire in estate, perchè il caldo e il secco non vanno bene).

Quando sarà pronta e vorrete tagliarla,

raccogliete nelle ore fresche della giornata

così è migliore. Se seguite la Biodinamica, raccogliete ovviamente

nei giorni di "foglie".

Per raccoglierle, si estirpa in genere tutta la piantina (con gli altri ortaggi, tagliate al colletto e lasciate la radice dentro al terreno senza tirarla)

La raccolta, 2 mesi dopo di quando l'avete piantata, potrebbe essere in:

GENNAIO
(seminata in novembre, sud o serra)
FEBBRAIO
(seminata a dicembre, in serra)
MARZO
(seminata in gennaio, in serra)
APRILE
(seminata in febbraio)
MAGGIO
(seminata in marzo)
GIUGNO
(seminata in aprile)
LUGLIO
-
AGOSTO
-
SETTEMBRE
-
OTTOBRE
(seminata in agosto in luoghi freschi)
NOVEMBRE
(seminata in settembre al nord)
DICEMBRE
(seminata in ottobre)
       

 

...E infine una raccolta di.
MATERIALE UTILE 
(esterno al blog) già selezionato:

pallino articoliVIDEO sulla valeriana:.

Guarda sul mio Canale You-tube 
la playlist sulla coltivazione della valeriana,
con i video più utili (c'era poco a dire il vero) raccolti per te

(se vuoi iscriviti al canale, così riceverai i miei nuovi video di quest'anno)

pallino articoliARTICOLI sulla coltivazione della valeriana:.

Oltre al mio blog, trovate in rete tanti altri articoli,
vi consiglio di confrontarli bene tra loro e ragionarci su, perchè

troverete informazioni contrastanti tra loro

Alcuni sono le fonti, che hanno "emesso" per primi le informazioni, o che comunque hanno realizzato dei buoni testi,
poi ci sono quelli che li hanno copiati senza fare troppa attenzione ai dati o ragionarci bene su, più per avere un'articolo in più sul blog e creare visitatori che per fare davvero informazione,
e poi altri che hanno copiato a loro volta distrattamente da quelli che hanno copiato.

Per questo a inizio articolo ho insistito sulla necessità che creiate un vostro "diario dell'orto",
perchè alla fine la risposta giusta, tra i vari dati discordanti, ve la può dare solo il vostro clima e il vostro terreno. Fate tantissime prove e registrate tutti i risultati, così imparerete cosa funziona davvero, al di là di ciò che leggete su internet. 

Fatevi un pò di "naso", e iniziate a capire chi scrive per esperienza o passione, pensando alle piante, e chi scrive pensando a Google o al traffico sul sito.

Una prima scrematura potete già farla guardando la quantità di banner e distrazioni che trovate sulla pagina rispetto al testo che volevate leggere, o la quantità di informazioni reali e pratiche che avete imparato e capito quando avete finito di leggerlo, o a quanto il titolo somiglia più ad uno scoop su un giornale che a un libro tecnico. 

Ultimo appunto, alcuni articoli si rifanno a coltivazioni "industriali", o parlano di cose che per i privati non vanno bene, oppure parlano di

modi di coltivare ormai vecchi e superati

(vangatura del terreno, erbe spontanee viste come erbacce da combattere e terreno lasciato scoperto (abominioooo!), concimi e pesticidi, ecc..). Abbiate un pò di filtro e di buon senso mentre leggete, adattando ad una situazione domestica e alle nuove forme di agricoltura che esistono oggi.

 
ARTICOLI GENERALI E DESCRITTIVI:

agricolturabiologicaonline.eu

agraria.org

agribionotizie.it

coltivarelorto.it

coltivareorto.it

giardinaggio.org

giardinaggio.it

greenstyle.it

greenme.it

growtheplanet.com

ortodacoltivare.it

pollicegreen.com

sologiardino.it

 

icona Pallino verde sfumatoDISCUSSIONI in rete con esperienze dal vivo:.

Se hai notato in un Gruppo Facebook (o in altri social o forum) delle discussioni sulla coltivazione della valeriana,
tra persone che hanno già fatto esperienza, segnalamele nei commenti indicando:

  • il link al post o alla discussione
  • e l'argomento per cui consigli quel post (es. per la sua semina, per il terreno adatto, per una tecnica particolare...)

Sarà utile per chi inizia per andare a confrontarsi! :-) 

 

 

  

 

Solo se ti sembra che ho fatto un buon articolo,
condividilo per farmelo sapere. 

condividi